IMPIANTI DI SPEGNIMENTO PER CUCINE

protezione cucine ristoranti

Nelle aree destinate alla ristorazione le zone di cottura sono un insieme di particolari potenzialmente infiammabili: l’uso di fornelli, griglie e la presenza di grassi e oli creano un elevato rischio di incendio e generano un ingente pericolo per le persone che vi lavorano all’interno.


I sistemi di spegnimento per grassi da cucina, recentemente classificata dalla UNI come Classe di fuoco “F”, nascono come risposta al desiderio di sicurezza e garanzia di protezione per le persone e per le attrezzatura negli ambienti a rischio.

Tali impianti garantiscono tempestività d’intervento, affidabilità nell’abbattimento del fuoco ed una flessibilità che lo rende adattabile a qualsiasi cambiamento o espansione della zona di cottura.

Lo spegnimento basa il suo funzionamento sul principio della saponificazione dei grassi, infatti spruzzando valori predeterminati di agente estinguente a bassa acidità (soluzioni idrosaline a base di potassio) sull’area della cappa, sui piani di cottura e sui condotti dell’aria esausta, ne raffredda la superficie coperta di grasso che ha preso fuoco e reagisce con lo stesso grasso caldo che brucia formando uno strato di schiuma (saponosa) che inibisce il contatto tra i grassi in fiamme e l’atmosfera prevenendo poi la formazione di vapori combustibili.

Il sistema di ventilazione andrà inoltre lasciato attivi, infatti, il tiraggio forzato aiuta il movimento dell’agente liquido attraverso le condotte di ventilazione, aiutando il processo di soppressione dell’incendio. La ventilazione inoltre contribuisce all’abbattimento della temperatura nel condotto di scarico dopo che il sistema è entrato in funzione.

 

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO

  • Un rivelatore termico sorveglia l’area dell’ambiente da proteggere.
  • Durante un incendio la temperatura supera quella di taratura del rivelatore e attiva: la remotizzazione dell’allarme, la chiusura del GAS e l’attuatore meccanico presente sulla valvola della bombola, permettendo alla soluzione idrosalina di fuoriuscire dalle bombole pressurizzate.
  • Immediatamente il liquido estinguente ad alta concentrazione scorre attraverso le tubazioni di distribuzione a servizio delle differenti apparecchiature sino ad arrivare agli ugelli erogatori, specifici per i differenti utilizzi (cappe, filtri o apparecchiature), dirigono l’agente in modo accurato, garantendo un rapido spegnimento
  • Un comando d’attivazione a distanza fornisce al sistema un mezzo d’intervento indipendente.
  • La procedura di attivazione può essere comandata anche da un comando elettrico manuale posto a distanza.
Share by: